FORUM SPOSTATO SU www.ewheel.it

Forum di condivisione e scambio informazioni, esperienze e consigli sul mondo dei monoruota elettrici.


Non sei connesso Connettiti o registrati

INMOTION SCV V8

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 INMOTION SCV V8 il Ven Mar 24, 2017 3:27 pm

Caratteristiche e specifiche tecniche:
--------------------------------------------------------
Potenza Motore 830 Watt Effettivi
Autonomia media 45 Km
Pneumatico 16 Pollici
Peso 1600 g
Altezza 530 mm
Profondità 462 mm
Larghezza (Piegato) 149 mm
GESTIONE ENERGETICA Voltaggio della batteria 72V
Tecnologia batteria Litio  
Adattatore di frequenza AC 50/60 Hz
Adattatore di voltaggio input AC 110 - 220  
Tempo di ricarica 3 h
---------------------------------------------------------


Premesso che provengo da un Inmotion V3C con il quale ho percorso più di 1000 Km, ora che sono passato ad un inmotion V8 ed ho percorso già 250km, posso provare a dare un mio giudizio su questo incredibile monoruota.

Come sapete già la ruota è da 16”, il motore da 800W ed al suo interno possiede un pacco batteria da 72V 6.4Ah per 460Wh. Il peso è di 13,5 Kg, supporta guidatori fino a 120Kg di peso.

Esteticamente la sua forma tutta tonda e senza spigoli risulta molto gradevole alla vista con l’elegante colore nero impreziosito da un doppio bordino rosso che ne esalta la sportività. Toccandolo con mano si nota la robustezza e la qualità costruttiva.

Per il sollevamento c’è una comoda maniglia fissa al cui interno è presente un pulsante di blocco utile per sollevare la ruota (ad esempio per superare un marciapiede o un rampa di scale) senza far girare pericolosamente la ruota.

Frontalmente c’è un ottimo faro led bianco, il cui fascio illumina sufficientemente la strada di notte, poco sopra il faro, un praticissimo display azzurro con l’icona di una batteria che grazie a barre luminose indica facilmente lo stato di carica della batteria, nonché un indicatore azzurro della connessione BT e un indicatore rosso che segnala un eventuale guasto. Più sopra c’è il tasto gommato a sfioramento dell’accensione che, se mantenuto premuto, permette l’accensione della luce frontale. Nella parte posteriore c’è l’ingresso per il connettore GX12-3 del caricabatterie da 1,5A che è protetto da un gommino ad incastro, poco sotto un led rosso che illumina il marchio inmotion e ancora più sotto un altoparlante per le notifiche vocali (personalizzabili).

Sui fianchi il guscio esterno è nero ma trasparente, infatti si possono accendere ben 42 led colorati per dare un effetto fantascientifico al monoruota.

La sorpresa c’è sul lato sinistro della ruota, premendo un pulsante si può facilmente estrarre il manico trolley, utilissimo per spostarsi con la ruota senza doverla tenere in mano, se ne apprezzerà la comodità nell’uso quotidiano prendendo ad esempio i mezzi pubblici, trasportare il V8 è un gioco da ragazzi.

Veniamo alle impressioni di guida: appena saliti sulle pedane (interamente antiscivolo), abbastanza alte e tondeggianti che garantiscono un ottimo angolo d’inclinazione per curve strette, si avverte la potenza del motore apprezzando il notevole spunto che porta chi lo conduce a viaggiare velocità sostenuta (25-30km/h) in brevissimo tempo (non dimenticate di indossare il casco per la vostra incolumità). Anche affrontando dislivelli o salite si avverte la spinta che sembra inarrestabile! Il divertimento aumenta se si utilizza il V8 sullo sconnesso o in off-road dove il mezzo non deluderà mai in ogni tipo di manovra possibile, i più bravi riescono ad affrontano anche salti per superare gradini di modesta alzata, non solo scendendoli ma addirittura salendoli. Il punto di attacco della ruota è abbastanza alto e non si avverte alcun tentennamento superando questi ostacoli, trovo che guidarlo sulle strade accidentate della capitale (dove vivo) o su percorsi tipici da mountain bike, sia davvero divertente.
Le manovre a bassa velocità sono facilmente gestibili, personalmente ho difficltà a fare slalom molto stretti, ma è un mio limite, non certo del V8. Anche l’inversione del senso di marcia è rapidissimo, poi ci vuole equilibrio per procedere a marcia indietro, ma qui entra in giocola bravura del pilota. Ho visto persone fare evoluzioni incredibili, addirittura danzarci…..

Per quanto riguarda l’autonomia (abituato male con il V3C e le sue batterie ormai esauste dai troppi cicli di ricarica) ho notato da subito che, per far spegnere la prima barra della batteria, occorre percorrere molta strada…L’autonomia con il mio peso di 92Kg è ben superiore ai 25km percorrendo strade miste, ho solo notato che il mezzo è molto conservativo, ovvero con 35% di batteria, vedrete già accendersi l’ultima barra di rosso insieme alla penultima di colore giallo, ma avrete ancora parecchi km da fare prima di vedere spegnersi la gialla. Di fatto vi stancherete fisicamente di viaggiare sul monoruota ed avrete bisogno di riposarvi prima di far accendere il solo led rosso di batteria scarica.

Per quanto concerne il collegamento BT e la gestione del V8, tramite l’apposita App (per IOS e Android) potrete visualizzare velocità, distanza parziale e totale percorsa, temperatura rilevata, potrete accendere e spegnere la luce, visualizzare su mappa il percorso effettuato, fare la diagnosi del mezzo, disabilitare il tasto di blocco presente sotto il manico (utile se si utilizza una cinghia per l’apprendimento, che andrebbe a premerlo), modificare la sensibilità delle pedane e la velocità massima (consiglio di limitarla in fase di apprendimento), infine modificare il volume dell’altoparlante.
Inoltre con le funzioni avanzate, potrete modificare gli annunci emessi ad ogni evento (acceso, spento , batteria scarica, caricabatterie collegato, ecc) utilizzando alcuni preimpostazioni oppure registrando per ogni evento direttamente la propria voce, nonché cambiare la modalità di visualizzazione dei LED impostando alcuni giochi di luce già preimpostati o crearne di nuovi personalizzati. Si possono creare effetti di movimento/rotazione che aumentano proporzionalmente alla velocità e cambiano verso se cambiamo direzione di avanzamento, insomma una chicca per i maniaci della tecnologia.

Ho anche “fatto a pezzi” il V8 e devo dirvi che sono rimasto affascinato dal lavoro di progettazione e cura nella realizzazione. Il corpo è realizzato in due parti (destro e sinistro) assemblate con viti che aderiscono perfettamente tra loro, impedendo l'entrata di polvere o acqua, poi il corpo è “rivestito” di quattro gusci plastici, il destro e il sinistro (quelli sotto cui si accendono i led) e quelli frontale e posteriore (si separano proprio a metà del manico) , questi 4 gusci appunto possono essere facilmente sostituiti in caso di graffi profondi/rotture.
In ogni caso, a vista non si notano viti, le uniche due che si vedono per ciascun lato si trovano proprio sotto le pedane che servono per liberare i gusci che poi dovranno essere ruotati di 5° e sollevati per essere rimossi. Grazie a questa banale operazione si accede facilmente al pacco batteria stagno (composto da 60 celle al litio da 3.6V) per una eventuale sua sostituzione, ammesso di averne una di scorta a portata di mano, l’unico attrezzo necessario per questa operazione è un giravite a croce.

L’operazione di gonfiaggio dello pneumatico è una manovra che si può fare ad occhi chiusi, grazie al pratico sportellino che si trova proprio sotto la pedana. La sostituzione in caso di foratura invece implica lo smontaggio completo del mezzo, consiglio quindi di farlo fare solo a personale specializzato/competente, operazione che se fatta in autonomia può inficiare l’assistenza.

La scheda logica, cervello del mezzo, ha una pulizia costruttiva difficilmente riscontrabile su mezzi elettrici analoghi, in conclusione se avete occasione di vedere il V8 all’interno, noterete davvero che il prezzo pagato per acquistarlo è davvero giustificato, non solo dalle prestazioni, ma anche dal “contenuto tecnologico”.

In conclusione: consiglio di salire su questo monoruota se si ha già esperienza di guida, se invece si  è alle prime armi, consiglio qualcosa di meno performante, costoso e pericoloso (per l’alta velocità raggiungibile).
In ogni caso, per proteggere dai graffi causati dalle prime cadute, consiglio l’acquisto di una specifica copertina opzionale grigia con logo Inmotion da applicare al mezzo, che copre però i led, meglio allenarsi bene prima di rimuoverla se non volete avere un V8 pieno di abrasioni e graffi. Quando sarete davvero diventati bravi, potrete sfoggiare la vostra padronanza del mezzo e il gioco di colori dei led.

Che dirvi d’altro…..buon divertimento.


Visualizza il profilo

2 Re: INMOTION SCV V8 il Ven Mar 24, 2017 4:17 pm

Grande Marcello! Ottima recensione.

Ecco a voi anche la Videorecensione



Netmotive

Visualizza il profilo http://monoruotachepassione.forumattivo.com

Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum